Italiano English

Cattedrale di Sant’Ambrogio

La costruzione del Duomo dedicato a Sant’Ambrogio, Vescovo di Milano, fu avviata dal Duca Francesco II Sforza nel1532 su disegno di Antonio da Lonate e consacrata il 24 aprile 1612.

Dscf0059_p.jpgLa facciata barocca - progettata dal Vescovo Juan Caramuel y Lobkowitz - fu giustapposta per rimediare all’asimmetria dell’edificio con la piazza antistante. La particolare curvatura ellissoidale e la straordinaria sobrietà pongono l'opera tra gli esempi più raffinati di architettura barocca.

L'interno, a croce latina e a tre navate, conserva notevoli opere d'arte. Nel terzo altare a sinistra dell'ingresso troviamo un polittico a tempera di scuola leonardesca. Sull'altare maggiore un paliotto settecentesco, con inserite figure ricamate in seta ed oro, e tratte da un paramentale cinquecentesco. Nel transetto destro, dipinti attribuiti a Macrino d'Alba e Bernardino Ferrari (inizi del XVI sec.)

Adiacente alla Cattedrale di Sant’Ambrogio si trova il Museo del Tesoro del Duomo: è costituito, in massima parte, da doni di Francesco II Sforza (1534).
Conserva preziosi corali e codici miniati da Agostino e Ferrante Decio, un pastorale in avorio, "La Pace", un preziosissimo reliquiario in argento cesellato in oro di scuola lombarda (XVI sec.), calici e reliquiari di varie epoche, una paramentale cinquecentesco, ricamato in oro zecchino ed usato a Monza nel 1805 per l'incoronazione di Napoleone Bonaparte.
La dotazione più importante è costituita dalle due serie di arazzi fiamminghi provenienti da Bruxelles (1520) ed Oudenaarde (inizi XVII sec.), raffiguranti la parabola del figliol prodigo, storie di Ester ed Assuero, storie di Giuseppe Ebreo e storie di Alessandro Magno.

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/11/21 16:03:00 GMT+0 ultima modifica 2019-05-13T16:35:19+00:00