Aggiungi un posto a tavola Finche social non ci separi Les nuits barbares Atti osceni Ho perso il filo Un borghese piccolo piccolo Buon Anno ragazzi Gli uomini vengono da Marte le donne da Venere Favole al telefono
Strumenti personali
Sei qui: Home Eventi IL TROVATORE [Inaugurazione fuori abbonamento]

IL TROVATORE [Inaugurazione fuori abbonamento]

Opera in tre atti di Giuseppe Verdi

Quando: il 12/10/2019 dalle 21:00 alle 23:30

Dove: vigevano

Contatto: teatro cagnoni - 0381 82242 - cagnoni@comune.vigevano.pv.it

Aggiungi l'evento al calendario: iCal - Google Calendar

Sabato 12 Ottobre 2019 - ore 21,00

 

 

 

INAUGURAZIONE

 

Orchestra Città di Vigevano

direttore Andrea Raffanini

IL TROVATORE

Opera in tre atti di Giuseppe Verdi

su libretto di S. Cammarano e L.E. Bardare

con

Irene Cerboncini – Leonora

Rosario La Spina – Manrico

Milijana Nikolic – Azucena

Alessio Verna – Conte di Luna

Regia e scene Eddy Lovaglio

con la Corale lirica “San Rocco” di Bologna

direttore del coro Marialuce Monari

 

 


Seconda opera della “trilogia popolare”, Il Trovatore di Giuseppe Verdi é una composizione in quattro atti su libretto di Salvadore Cammarano e Leone Emanuele Bardare. Andata in scena per la prima volta il 19 gennaio 1853 a Roma al defunto Teatro Apollo, rispecchia in molte sue parti il non brillante momento psicologico che stava attraversando Verdi. Al centro della vicenda ci sono da una parte due donne, Leonora, una donna d’alto lignaggio, e Azucena, una zingara; dall’altra un nobile gentiluomo, il Conte di Luna, e il caratteristico tenore “rivoluzionario” di epoca romantica, Manrico. Curiosamente le due donne non vengano mai in contatto, come se Verdi volesse sottolineare la distanza dei due mondi ai quali appartengono, mentre i due protagonisti maschili altercano praticamente ad ogni ingresso in scena.
La musica di Giuseppe Verdi ne "Il trovatore" raggiunge esiti drammatici che ben pochi compositori hanno raggiunto. I toni tetri, foschi, non lasciano speranza. Eppure quanta grazia nei momenti più intimi, come l’aria di Leonora “Tacea la notte placida” o l’aria del conte “Nel balen del suo sorriso”. Ma anche quanto dramma nel racconto di Azucena “Condotta ell’era in ceppi” e quanta forza nel finale del III atto, la celebre cabaletta di Manrico “Di quella pira”, un vero scoglio per tutti i tenori. Famosissimi e bellissimi sono anche i suoi cori, come “Vedi! Le fosche notturne spoglie”, il coro che intonano gli zingari mentre battono le incudini.
L’opera ebbe subito un successo immenso e ancora oggi per gli appassionati  una recita del Trovatore è sempre un evento.

 

 

Informazioni costi e acquisto biglietti

Elenco prezzi stagione 2019/2020

Per orari, modalità d'acquisto e informazioni sui biglietti e abbonamenti visita la pagina dedicata

Photogallery
Notizie