Cultura
Strumenti personali
Sei qui: Home Sottopagine Rete Cultura Vigevano Notizie ed eventi da Rete Cultura LETTERE DA BERLINO

LETTERE DA BERLINO

Venerdì 25 gennaio - ore 20.45 Sala Franzoso della Biblioteca
lettere da Berlino

lettere da Berlino

Per le celebrazione della Giornata della Memoria, Il Gruppo di Lettura Bibliosofia, vi invita  alla proiezione del film "Lettere da Berlino" (2016 - Regia Vincent Perez)

Introduce: Mariuccia Passadore

Berlino, 1940. Otto e Anna Quangel sono una coppia appartenente alla classe operaia, a cui viene data la notizia della morte in guerra del loro unico figlio. La disperazione si trasforma in resistenza: i due decidono di dar vita ad una campagna contro Hitler distribuendo cartoline anti-naziste lungo le strade e nei palazzi di Berlino.

Il regista svizzero Vincent si assume una pesante responsabilità portando sul grande schermo il bestseller di Hans Fallanda “Ognuno muore da solo”, definito da Primo Levi “il più grande libro mai scritto sulla resistenza al nazismo”. Basato su una storia vera, l’epica lotta tra le persone comuni e la dittatura si inserisce nel dramma storico dei terribili anni del regime hitleriano. Il racconto racchiude in sé un’intensità straordinaria, fondata sulla spiegazione di come anche gli individui più umili possano trasformarsi in un efficiente meccanismo di protesta, ribellione e dissenso.

Presto gli scritti dei Quangel richiamano l’attenzione della gestapo che si materializza nella persona dell’ispettore Escherich, dando l’avvio ad una inesorabile e spietata caccia all’uomo.

Combattendo contro un nemico spaventosamente più grande e sapendo di soccombere, Otto e Anna si affidano per vivere, al loro amore sempre più solido e necessario e alla disperazione per agire. La speranza che ne uccida più la penna che la spada pervade ogni istante del film e ci lega ai destini dei due protagonisti condividendo con loro anche i momenti più strazianti fino all’epilogo già scritto. In questo modo il film si fa forte di uno spirito narrativo che ci avvolge facendoci calpestare gli stessi frettolosi e angosciosi passi delle prede inseguite dagli implacabili segugi della gestapo.