Sections
Strumenti personali
Sei qui: Home Contenuti PAGINE Ambiente Acqua

Acqua

regole e modulistica per la gestione dell'acqua

AcquaDivieto di balneazione nel Ticino

Il divieto è a tempo indeterminato.

Consulta l'ordinanza sindacale n.12 del 31 maggio 2010

Comunicazione

· la domanda di autorizzazione allo scarico nel suolo e negli strati superficiali delsottosuolo

· la comunicazione preventiva di escavazione di pozzi di prelievo ad uso domestico

· la denuncia di avvenuta escavazione di pozzi di prelievo ad uso domestico,

Vanno presentate/indirizzate alla Provincia di Pavia -  Settore Risorse Naturali -U.O. Risorse Idriche

come previsto dai Regolamenti Regionali 2, 3 e 4 del 24/03/06 pubblicati sul Bollettino Ufficiale n° 13 del 28/03/06 - 1° Supplemento ordinario

Scarichi sul suolo e negli strati superficiali del sottosuolo

Disattivazione obbligatoria dei pozzi perdenti

Con l'entrata in vigore del Regolamento Regionale n. 3 del 24/03/06 la tecnica di dispersione dei reflui mediante pozzi perdenti, non è più ammessa.

I pozzi perdenti esistenti dovranno essere disattivati.

Per lo smaltimento di tali reflui, si dovrà adottare un sistema di dispersione mediante trincee di subirrigazione, in cui il liquame viene portato nei primi strati del sottosuolo tramite condotte disperdenti, o in alternativa con un sistema di fitodepurazione come è previsto  della Delibera della Giunta Regionale del 5 Aprile 2006, N.8/2318.

Le domande di autorizzazione dovranno essere indirizzate alla Provincia di Pavia -Divisione Territorio – Settore Tutela Ambientale - U.O. Risorse IdricheViale T. Taramelli n. 2 - 27100 Pavia, utilizzando il MODELLO C disponibile presso gli Uffici o scaricabile dal sito della Provincia

 

Prelievo di acqua da pozzi autonomi

A seguito dell’approvazione del Regolamento Regionale n° 2 del 24/03/06 (art. 33) la denuncia delle quantità d’acqua prelevate da pozzi domestici non è più obbligatoria. 
Per uso DOMESTICO s’intende

l’estrazione di acqua sotterranea da parte del proprietario di un fondo, oppure dell’affittuario o dell’usufruttuario dietro espresso consenso del proprietario, e la sua destinazione all’uso potabile, compreso quello igienico, all’innaffiamento di orti e giardini, all’abbeveraggio del bestiame, purché tali usi siano rivolti al nucleo familiare dell’utilizzatore e non configurino un’attività economico-produttiva o avente finalità di lucro.

Prelievi acqua da pozzi ad uso industriale

Coloro che utilizzano l’acqua prelevata per altre finalità (industriale, raffreddamento, agricolo, ecc...) devono trasmettere alla Provincia competente la denuncia annuale delle quantità prelevate, secondo le modalità ed i termini stabiliti dalla Giunta Regionale.
Fino a diversa disposizione della Giunta Regionale, il termine per la presentazione delle denunce annuali delle misurazioni delle portate e dei volumi d’acqua prelevati relativi all’anno precedente è fissato al 31 marzo.

Altre competenza della Provincia di Pavia in materia di acque

  • concessioni alla derivazione di acque pubbliche superficiali e sotterranee
  • licenze di attingimento da corpi idrici superficiali
  • delimitazione delle aree di salvaguardia delle captazioni potabili (pozzi e sorgenti)
  • nulla osta alla realizzazione di pozzi/piezometri ad uso monitoraggio/bonifica falda e chiusura dei pozzi non più in uso (L.R. 62/85)
  • autorizzazione alla realizzazione di opere che costituiscono variante sostanziale alle opere di raccolta, regolazione presa e restituzione delle acque(art. 49 R.D. n. 1775/1933)
  • verifica e la catalogazione delle Denunce delle acque prelevate ogni anno da parte di tutti i soggetti che utilizzano acque pubbliche, anche tramite pozzi domestici e da parte dei titolari di licenze di attingimento.
Servizi dalla A alla Z correlati
Ambiente e animali Ambiente e animali